Get Adobe Flash player
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

La Band

 

1999-2003           MK I

Il gruppo prende forma nell'aprile del '99 da un'idea del bassista Riccardo Loriggiola, che è anche il maggior compositore del gruppo, che dopo varie ricerche riesce a mettere insieme cinque elementi, provenienti dalle più svariate esperienze. Dapprima il fratello Massimo, batterista e autore principale dei testi e subito dopo il cantante Stefano Borga con il quale già i due lavoravano in una cover band dedita al rifacimento di brani storici del “progressive” anni '70.

Successivamente viene arruolato Giovanni Binato, chitarrista, che fa dell'originalità la sua caratteristica principale e specializzato nella sperimentazione sonora e già collaboratore di Bebo Baldan (musicista del veneziano che può vantare una serie di collaborazioni illustri tra le quali David Torn). L'ultimo elemento, ma solo in ordine cronologico, il tastierista Dario Andreella autore degli arrangiamenti e musicista a 360° in grado di cimentarsi in tutti i generi musicali e che per la prima volta si sperimenta con il genere musicale al quale la band si ispira.

I 5 entrano in sala prove con l'obiettivo di registrare a breve un cd completo supportati dall'interessamento della Mellow Records, etichetta storica del panorama progressive italiano. A settembre dello stesso anno cominciano le registrazioni di "Connected" il primo album, che si protrarranno fino alla fine di novembre dopo un estenuante lavoro in sala di registrazione.

Il disco che ne esce ha sonorità che si avvicinano al rock progressivo di gruppi come i King Crimson, Rush e Queensryche mantenendo comunque le distanze da ognuno di questi tanto che il prodotto ha nell'originalità dei brani la sua caratteristica principale.

Il cd contiene otto tracce più una bonus track tutte originali ed i testi sono in inglese. Si potrebbe parlare di un concept album visto che alcuni brani sono collegati fra loro e che comunque sono tutti facenti parte di una stessa storia che racconta, in chiave allegorica, il viaggio di un vecchio saggio, Rabin, verso un pianeta immaginario dove i sogni si realizzano, appunto Astralia. I temi trattati vanno dalla difficoltà di trovare un'identità al di fuori di schemi convenzionali raccontati nella lirica di "Genesi's doubt" , ai rapporti d'amore contrastati di "Breaking the silence"; da il difficile rapporto padre-figlio di "Dedalo's tourment" alla ricerca della fiducia di se stessi di "The conquest"; dal sogno inteso come viaggio della mente di "Signals from Unconscious" alla tranquillità di chi trova Astralia di "Arrival".

Il gruppo ci invita in questo viaggio tra suoni e ritmiche a volte dolci, a volte lancinanti, quasi drammatici che sembrano dirci della difficoltà che un percorso ambizioso nasconde, il tentativo è di trovarsi a cavalcare la pulsione che spinge ognuno di noi verso sentieri angusti ma dei quali non si può fare a meno per trovare la riuscita per avere sensazioni di soddisfazione.

Il disco riceve apprezzamenti un po' ovunque e viene recensito positivamente sia in ambito nazionale che estero, tanto che una internet-radio americana (Progged 2) lo indica come disco del mese nel periodo Marzo/Aprile 2001 (prima band italiana a ricevere questo riconoscimento).

In Italia le recensioni arrivano da "Mucchio Selvaggio", "Jam", "Andromeda", "Arleqins" e "Movimenti Prog".

Nell'anno successivo sono ospiti nella puntata del 7 settembre allo storico programma di Radio RAI International, "Notturno Italiano" intervistati dal giornalista Ugo Coccia. Successivamente sono ospiti di Radio Sherwood intervistati da Jacopo nella trasmissione "Alta Fedeltà"; altra intervista viene rilasciata al giornalista argentino Sergio Vilar e pubblicata sul sito http://www.nucleusprog.cjb.net/

Il gruppo riscuote consensi anche attraverso le esibizioni live e vince il concorso "Band on Air 2002" suonando in uno splendido "Teatro Polivalente" di Abano Terme (PD) (che di lì a poco avrebbe ospitato il concerto di John Wetton con i Moongarden).

e al "Disco Pub Sottosopra" di Este (PD).

Nell'Aprile del 2003 il cantante S. Borga lascia la band proprio nel momento nel quale stava prendendo forma il materiale per il nuovo disco.

2004 – 2005    MK II

Dopo un periodo di ricerca viene arruolato Massimo Danieli come nuovo cantante e chitarrista ritmico. Qui inizia un lavoro di inserimento della nuova voce e di riarrangiamento dei brani di "Connected" che così ritrovano uno smalto rinnovato. Con questa formazione provano l'esperienza di un concorso internazionale "Emergenza Festival" e passano le selezioni arrivando fino alla finale regionale nel maggio 2004.

Nel frattempo, riprendono i lavori di composizione interrotti in precedenza e ricomincia l'allestimento di un nuovo concerto.

In occasione della maratona musicale "45 Hour no stop" al club "Factory 04" di Padova, nella quale sono invitati ospiti internazionali, eseguono la cover dei King Crimson "Red" insieme al grande bassista Tony Levin (27/04/05) chiudendo la maratona musicale, queste le parole che lasciò nel suo diario:

Well, it's all wrapped up now. The 45 hours of playing went well past the 10pm scheduled end, but the official jam stopped at about 11 at night. (Soon followed by a local band asking me to sit in, as they played King Crimson's Red. They were good, and it felt kind of strange after all those hours to play something I knew!)”

A giugno del 2005 anche Danieli decide di lasciare la band che si ritrova nuovamente senza un cantante di ruolo.

2006 – 2010   MK III

In questo periodo di ricerca della nuova voce, continuano i lavori di composizione. Dopo mesi di ricerche e provini, alla fine viene arruolato Massimiliano Biolo, che si integra velocemente al suond del gruppo. Ricominciano i concerti di cui sono da menzionare quello al “C.R.C.” di Abano Terme a Febbraio del 2007 e soprattutto al “Sherwood Festival” (importante festival indipendente di Padova) nel luglio dello stesso anno.

A questo punto la band decide di tornare a produrre nuove composizioni con l’obiettivo di arrivare al sospirato secondo CD, questa volta autoprodotto. L’obiettivo viene poi spostato verso la produzione di un mini-cd promozionale.

Nel 2008 la band ultima le registrazioni di un "Promo Disc" intitolato "The Flock", che vuole essere il “veicolo” per il ritorno sulle scene di “Astralia”. Il lavoro contiene due tracce inedite “The Flock” (che dà il titolo al Promo) e “Glove –Box” più una versione rivisitata di “Dedalo’s Torment” brano già presente nel primo disco “Connected”.

Grazie all'interessamento dell'etichetta specializzata Ma.Ra.Cash. Records di Vigevano la band torna in studio per un nuovo CD e nel finire del 2010 si concludono le registrazioni di “OSMOSIS” che poi uscirà il 16 maggio del 2011.

2011 – 2012   MK IV

Nel frattempo, dopo le registrazioni di “Osmosis” la band subisce un ulteriore sconvolgimento, escono di scena Massimiliano Biolo (Voce) e Dario Andreella (Tastiere), sostituiti da Corrado Ruzzon e Riccardo Pozzobon rispettivamente Voce/chitarra e Tastiere e con questa formazione tornano ad esibirsi al circolo C.R.C. di Abano Terme e al Fahrenheit 421 di Padova, mentre il 21 maggio 2011 la band si esibisce per la prima volta sul palco del prestigioso “Garden Prog Festival” di Lugagnano (VR) per presentare il nuovo disco e aprire il concerto del super gruppo “Cavalli Cocchi-Lanzetti-Roversi”.

Il 24 luglio 2011 li vede tra i protagonisti della prima edizione del WeLoveVintage Festival di Bologna assieme a vari gruppi del panorama progressive quali “Mappe Nootiche”, “Stereokimono”, “Altare Tothemico” e molti altri tra i quali spicca la partecipazione di Mel Collins (King Crimson) e Richards Sinclaire (Camel, ecc.)

Il 7 novembre 2011 sono ospiti della trasmissione “Alta Fedeltà” condotta da Jacopo Ravagnan sulle frequenze di radio Sherwood dove presentano il disco “Osmosis” ed eseguono in versione acustica due brani dal vivo.

Il 28 febbraio 2012 entrano in studio a Citadella (PD) al “Ferrari’s Studio” per la registrazione di un demo dal titolo “Redshift” che contiene due brani ri-arrangiati del loro primo disco (Vagrant Thought e breaking The Silence) e una cover storica dei King Crimson “Red”.

 

2012 – 2014              MK V

A marzo rientra nel gruppo Massimiliano Biolo come voce e curatore dei testi e la band si ripresenta al Fahrenheit 421 a maggio per il suo primo concerto a sei elementi e poi ad Abano Terme a giugno in occasione del Festival della Pizza. Il 13 luglio tornano, invitati dall’organizzazione del WeLoveVintage Festival di Bologna, a calcare quel palco prestigioso in occasione della seconda edizione nella quale apriranno per “VIII Strada” e “Alex Carpani Band” con l’ospite d’eccezione che stavolta risponde al nome di David Jackson (Van Der Graaf Generator).


2014 -                      MK VI

Nella primavera del 2014 Alessandro Corrò entra nella band come voce solista ed a luglio il gruppo viene invitato a suonare sul prestigioso palco del Woodstock Village Festival di Abano Terme. A settembre prende corpo l'idea di un nuovo album ed ha inizio ad una fase creativa che porterà il progetto parallelo "Astralia Side Project" a partecipare a varie manifestazioni culturali all'interno delle antiche mura di Porta San Giovanni a Padova dove, con lunghe sequenze di musica improvvisata descrivono la proiezione di opere frattali e sperimentano l'uso di tecnologie grafiche per l'ispirazione musicale. Prtecipano anche all'edizione successiva del Woodstock Village e continuano il lavoro di composizione.

www.astralia.it

 

Line-up

MK I

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Dario Andreella, Stefano Borga

-          “Connected” - Mellow Records     anno   2000

MK II

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Dario Andreella, Massimo Danieli

MK III

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Dario Andreella, Massimiliano Biolo

-          “The Flock” – Demo   2008

-          “Osmosis” - Ma.Ra.Cash. Records   anno 2011

MK IV

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Riccardo Pozzobon, Corrado Ruzzon

-          “Redshift” - Demo   2012

MK V

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Riccardo Pozzobon, Corrado Ruzzon, Massimiliano Biolo

"Eyes Wide Shut" - Video 2014

MK VI

Riccardo Loriggiola, Giovanni Binato, Massimo Loriggiola, Riccardo Pozzobon, Alessandro Corrò



www.astralia.it
http://www.maracash.com/